Ricerca personalizzata

martedì 27 settembre 2016

Vendemmia 2016

La magia si compie anche quest'anno. Generosa come sempre la mia vite stracarica di uva compie il miracolo: grappoli numerosi con chicchi apireni scuri, croccanti e dolcissimi.  Settembre risplende anche questa volta e una pianta, una semplice pianta, mi ricorda silenziosa quanto dovremmo essere grati alla natura per doni così prelibati e preziosi che vengono offerti senza pretendere mai nulla in cambio. 


lunedì 25 luglio 2016

Non ci fermerete mai!!!

Cari seminatori come avrete notato sono stato costretto a sospendere il sito di Seminiamoli perché qualche imbecille si è divertito a massacrarlo cancellando i contenuti ed inserendo link improbabili. Purtroppo il sito era stato costruito in economia anni fa e lo sviluppo delle tecnologie lo ha reso vulnerabile agli attacchi. Ho conservato molti articoli con le foto, frutto di anni di semine e piantumazioni, e se ci riuscirò tornerò online più accanito e seminatore di prima!!! Per ora rimane questo blog dove siete tutti invitati a contribuire con commenti e foto. 
Un pensiero a chi ha rovinato il sito convinto di fermarmi: ah ah ah ah ah!!!! Povero idiota....pianterò anche per te un albero, un bel pino che possa negli anni ossigenare maggiormente le celluline del tuo piccolo cervello!!!!
Un saluto a tutti e buone semine!!!


lunedì 18 luglio 2016

mercoledì 20 aprile 2016

Dal seme al frutto

Ogni seminatore è un visionario, è colui che vede in un piccolo seme un progetto,    un futuro albero, un atto di amore, una speranza. Il seminatore mette in terra il seme, lo accudisce, ne segue gli sviluppi,  cura la giovane e fragile piantina, soprattutto all'inizio del viaggio, quando è piú vulnerabile ed esposta ai rischi, l'ammira fortificarsi e crescere fino al giorno della sua piantumazione. Tutto quello che succede poi è sinfonia della natura. Ricordo ieri come fosse oggi quando osservavo il piccolo nespolo nel vasetto nero in plastica. Ed oggi ne assaporo addirittura i frutti!!! E pensare che c'è ancora qualcuno che getta via i semi!!!








giovedì 10 dicembre 2015

Nuovi alberelli a dimora

Mentre in molti nel giorno dell'Immacolata si recano ad acquistare piccoli abeti da condannare a morte per le feste natalizie, io prelevo dalla mia riserva botanica infreddolita un piccolo pino, una quercia ed un leccio, tutti rigorosamente prodotti da seme qualche anno fa ed ora pronti ad essere messi in terra per  svolgere il loro ruolo di contrasto alle scelleratezze dell'uomo. In questi giorni i governi di tutti gli stati del mondo si stanno riunendo a Parigi, in quell'appuntamento che reca l'acronimo di Cop21, per discutere della riduzione delle emissioni inquinanti onde scongiurare la morte del pianeta. Riempiranno fogli, firmeranno promesse, illuderanno il mondo di aver risolto i problemi climatici. Ebbene nulla sarà risolto ed il destino del pianeta sarà segnato. Se avessero discusso di piantumazioni planetarie allora   sarebbero stati credibili, invece solo le solite ingannevoli parole. L'unica strada per contrastare i cambiamenti climatici è piantumare alberi, l'unico strumento che la natura ci ha messo a disposizione gratis per assorbire la CO2. Passate parola se potete e piantate alberi!!



lunedì 9 marzo 2015

Una tranquilla domenica di piantumazioni

Questo periodo è ottimale per mettere a dimora i piccoli alberelli ancora prigionieri nei loro vasi. Il risveglio dal torpore invernale ancora non si è attivato, complice il freddo che ancora imperversa quest'anno. Ma ormai il tempo è maturo, ancora qualche giorno e poi il tepore primaverile stimolerà la ripresa vegetativa, e gli alberelli messi a dimora cominceranno a crescere veloci. Ieri ho messo in terra un leccio, una sequoia ed una Maclura Pomifera, e già sto pensando alle prossime piantumazioni...



sabato 7 marzo 2015

L'abete salvato

Oggi ho messo a dimora, nella speranza che riesca ad attecchire e tornare a vegetare, un bellissimo abete che era stato sacrificato da un vicino per far spazio ad una pavimentazione. A dire il vero penso sia difficile che riesca a riprendersi dopo lo shock della sdradicazione ma l'alternativa era la discarica e allora perché non provarci?